www.presszanchi.com utilizza cookies per offrirti un'esperienza di navigazione migliore, rispettando la privacy secondo le norme previste dalla legge. Usando il nostro servizio, acconsenti l'impiego di cookie in accordo con la nostra cookie policy. Per saperne di più o negare il consenso leggi l'informativa completa.

RINASCIMENTO SEGRETO

RinascimentoSegreto Locandina PROROGA13 aprile - 3 settembre / proroga al 1 ottobre 2017
URBINO - FANO - PESARO

Le città di Urbino, Pesaro e Fano rendono omaggio al Rinascimento promuovendo la grande mostra "Rinascimento segreto" a cura di Vittorio Sgarbi allestita dal 13 aprile al 3 settembre / proroga al 1 ottobre 2017 in tre sedi: Palazzo Ducale, Sale del Castellare, a Urbino; Museo Archeologico e Pinacoteca del Palazzo Malatestiano, Sala Morganti, a Fano; Musei Civici di Palazzo Mosca a Pesaro.

La mostra è promossa da Comune di Urbino, Comune di Pesaro e Comune di Fano, con il patrocinio e contributo della Regione Marche, dell’Assessorato alla Cultura della Provincia di Pesaro e Urbino e dell’Anci Marche. La produzione è affidata a Sistema Museo.

Nelle tre sedi sono esposte oltre ottanta opere, tra dipinti e sculture, disegni e oggetti d’arte dall’inizio del Quattrocento alla metà del Cinquecento, di proprietà di fondazioni bancarie, istituzioni e collezionisti privati con l’obiettivo di valorizzare, come indica il titolo stesso, un patrimonio artistico quasi sconosciuto (perché non esposto nei musei pubblici), e al contempo creare un dialogo con le opere rinascimentali presenti sul territorio.

RINASCIMENTOSEGRETO.IT

CITY LEGO®

lego CITY Locandina8 aprile – 11 giugno 2017
CENTRO ARTI VISIVE PESCHERIA - PESARO

7 milioni di mattoncini in un’unica immensa città

City Lego®, la più grande città al mondo costruita nei minimi dettagli con 7 milioni dei famosi mattoncini LEGO©, dopo essere stata esposta nella capitale arriva a Pesaro nelle Marche, e si potrà ammirare al Centro Arti Visive Pescheria dall’8 aprile fino all’11 giugno 2017.

Ideata da LAB Literally Addicted to Bricks, prodotta e organizzata da Kornice con la collaborazione di Giuliamaria Dotto, e organizzata a Pesaro dal Comune/Assessorato alla Bellezza e Sistema Museo, la mostra presenta un grandioso diorama di 15 metri per 4, ospitato nello spazio ottagonale della ex chiesa del Suffragio e introdotto da gigantografie a tema Lego, allestite nel Loggiato. A disposizione inoltre un’area ludica dove tutti potranno fermarsi e divertirsi con i mattoncini e dove ogni domenica si svolgeranno laboratori didattici.

City Lego® è il frutto della fantasia di Wilmer Archiutti, fondatore del LAB, laboratorio creativo di Roncade, in provincia di Treviso, nato allo scopo di realizzare forme e architetture di Lego, uniche e irripetibili. I celebri mattoncini-giocattolo vengono assemblati con cura certosina e uno dei giochi più creativi di sempre si è trasformato in un vero e proprio “mestiere”, grazie alla squadra di bricks addicted, specializzati nella creazione di scenografie incredibili. Un progetto che prende il nome di City Booming e che è il risultato di circa un anno di lavoro, iniziato nel 2012, con i pezzi provenienti dalla collezione di Wilmer, raccolta in 40 anni di passione.

APP IN PERFETTO STILE DALÍ

Dalí AR Experience APP1 cFino al 7 maggio a BOLOGNA

Ultimo mese per fare un’esperienza unica, “diffusa” e immersiva con Dalí Experience, la mostra di con-fine Art dedicata al genio di Salavadr Dalí (Figueres 1904-1989) in corso fino al 7 maggio 2017 a Palazzo Belloni, fulcro di una manifestazione senza precedenti che continua a coinvolgere tutta la città di Bologna.

Circa 200 opere della collezione “The Dalí Universe” sono protagoniste di un percorso interattivo e multimediale, di ultima generazione, che invita il visitatore ad un'esperienza coinvolgente e partecipativa dentro e fuori la sede espositiva.

Da ultimo sono arrivate 4 sculture monumentali in punti strategici del centro storico, Dance of time II (1979-1984) nell’area check-in dell’Aeroporto Marconi, Homage to terpsichore (1977-1984) in Piazza Liber Paradiusus, Horse saddled with time (1980) negli storici Giardini Margherita e Profile of time (1977-1984) alla Stazione di fronte allo Shoah Memorial, e al Museo Ebraico è stata aperta l’esposizione Dalí. A Jewish Experience con due importanti serie grafiche del maestro catalano: le Dodici tribù d’Israele (1972) e le illustrazioni per l’ultima opera di Sigmund Freud Moïse et monothéisme (1975).

La dalí-mania da novembre imperversa a Bologna e per la gioia e il diletto di giovani e meno giovani nativi digitali l’esperienza si espande a macchia d’olio anche grazie alla realtà aumentata “Dalí AR Experience”. Un percorso di scoperta per osservare il paesaggio urbano con uno sguardo surrealista.

ROSSINI EXPERIENCE

RossiniExpe 530x310Domenica 2 aprile 2017
CASA ROSSINI - PESARO

Esperienza multisensoriale a Casa Rossini con Art Glass e Rossini Gourmet che piace a tutti, anche alle aziende, come GLS Italia ospitata il 27 marzo.

Domenica 2 aprile appuntamento con Rossini Experience a Casa Rossini, un’esperienza multisensoriale unica nel suo genere, a cura di Sistema Museo, Italy To Live e Tipico.tips.

Si inizia con la visita alla casa museo in realtà aumentata, grazie agli speciali occhiali by Art Glass: compare Gioachino e, attraverso pillole autobiografiche e giocosi aneddoti, racconta di sé accompagnando il visitatore nelle stanze della sua dimora natale. Novità assoluta, giunti al terzo piano, il viaggio continua e le note del maestro introducono allo spazio Rossini Gourmet dove, comodamente seduti a tavola, si indossano apposite cuffie wireless per una degustazione audioguidata di gustose ricette rossiniane.

Presentato in occasione del non compleanno del Cigno del 28 febbraio, nell’ambito delle Celebrazioni rossiniane, Rossini Gourmet è un progetto del Comune di Pesaro/Assessorato alla Bellezza con Fondazione G. Rossini, coordinato da Sistema Museo e a cura di Tommaso Lucchetti, e offre al pubblico una nuova modalità di fruizione dell’arte musicale del grande compositore unita alla sua leggendaria esperienza e cultura enogastronomica.

Oltre al percorso museale multimediale con i dispositivi by Art Glass, i visitatori possono ora sperimentare una “degustazione teatralizzata” che intende creare una sinestesia tra gusto, udito e olfatto, così come accadeva a Gioachino mentre componeva musiche o mangiava cibi prelibati condividendo il suo salotto e la sua mensa con artisti, musicisti, librettisti, direttori di teatri ed impresari.

Sfruttando l’infinito repertorio del Cigno e i documenti raccolti nel volume Rossini, raffinato gourmet curato da Giuseppe Giovanetti si abbinano alimenti e partiture di Rossini in un racconto che combina la bellezza delle sue opere, la sua biografia, il suo territorio e le sue gaudenti composizioni culinarie.

DALÍ - A JEWISH EXPERIENCE

MOISE ET MONOTHEISME 1975 grafica H bassa15 marzo - 7 maggio 2017
MUSEO EBRAICO - BOLOGNA

Salvador Dalí, l’ebraismo e Freud: un racconto da Palazzo Belloni al Museo Ebraico

Quale filo lega il mondo surreale di Salvador Dalí (Figueres 1904 - 1989), la religione ebraica e la psicanalisi di Freud? Un intreccio raccontato da due serie grafiche che in concomitanza alla mostra “Dalí Experience” a Palazzo Belloni vengono esposte al Museo Ebraico di Bologna, in via Valdonica 1/5, per la mostra “Dalí. A Jewish Experience” dal 15 marzo al 7 maggio.

Come annunciato da con-fine Art, organizzatore dell’evento espositivo dedicato al genio intramontabile di Dalí con circa 200 opere della collezione “The Dalí Universe”, Palazzo Belloni fa rete creando saldi rapporti con le realtà culturali bolognesi legate all’arte, alla cultura, alla storia e alla vita quotidiana dei cittadini, attraverso un approccio curatoriale non convenzionale e supportato da tecnologie interattive di ultima generazione.

In collaborazione con la direzione del Museo Ebraico, le grafiche dell’artista catalano, parte della collezione di Beniamino Levi, curatore e mercante d’arte di origine ebraica, entrano dunque in un altro luogo suggestivo e significativo: il cinquecentesco Palazzo Pannolini, situato nella zona dell’ex-ghetto, sede del museo che dal 1999 è attivo sul territorio regionale come centro culturale di riferimento.