www.presszanchi.com utilizza cookies per offrirti un'esperienza di navigazione migliore, rispettando la privacy secondo le norme previste dalla legge. Usando il nostro servizio, acconsenti l'impiego di cookie in accordo con la nostra cookie policy. Per saperne di più o negare il consenso leggi l'informativa completa.

×
Errore
There was a problem loading image Cantiere_restauro_Buongoverno_Siena_T.jpg

BIGGI e TOMASINELLI - PREDATORI DEL MICROCOSMO

Pin It

Emanuele Biggi FB eventoSabato 10 novembre 2018
CASA DELLA CULTURA - MILANO

Proseguono gli incontri organizzati dall'Associazione culturale Radicediunopercento alla Casa della Cultura (via Borgogna 3), in occasione della mostra Wildlife Photographer of the Year 53, alla Fondazione Luciana Matalon di Milano fino al 9 dicembre.

Oltre ai fotografi italiani professionisti, in questa edizione dedicata in particolare alla salvaguardia del pianeta, sono ospiti anche esperti e studiosi dell’ambiente.

Dopo la giornalista e fotografa Eleonora De Sabata, il terzo appuntamento di sabato 10 novembre, ore 21, è con Emanuele Biggi, naturalista e fotografo, presentatore televisivo nella trasmissione Geo su Rai3, e Francesco Tomasinelli, esperto in Scienze Ambientali Marine; insieme presentano il loro ultimo libro “Predatori del microcosmo. La lotta per la sopravvivenza di insetti, ragni, rettili e anfibi”. Un volume che non è semplicemente una collezione di belle immagini ma un insieme di “racconti fotografici”, con testi che mettono in evidenza le scoperte più recenti e gli aspetti più interessanti della biologia dei protagonisti.

Gli ambienti naturali impongono continue sfide agli animali che li abitano: procurarsi da mangiare, evitare i predatori, trovare un partner e dare vita ad una discendenza. Tra gli animali, pochi hanno sviluppato strategie di sopravvivenza più sorprendenti e inusuali di molti rettili e anfibi, insetti, aracnidi ed altri piccoli invertebrati che a malapena notiamo. Tra questi si contano schiere di predatori che devono garantirsi un pasto, catturando con la forza o l’inganno prede che metteranno in campo qualunque difesa per sopravvivere. Il risultato di questo processo è una “corsa agli armamenti”, sorprendente per forme e modalità, che non ha riscontro negli animali di taglia superiore.

INFO RADICEDIUNOPERCENTO
COMUNICATO STAMPA

10 novembre Incontro con Biggi Tomasinelli Predatori microcosmo b