www.presszanchi.com utilizza cookies per offrirti un'esperienza di navigazione migliore, rispettando la privacy secondo le norme previste dalla legge. Usando il nostro servizio, acconsenti l'impiego di cookie in accordo con la nostra cookie policy. Per saperne di più o negare il consenso leggi l'informativa completa.

×
Errore
There was a problem loading image Cantiere_restauro_Buongoverno_Siena_T.jpg

POESIA IN MACHINA - FINISSAGE MOSTRA BOTTA

Pin It

Gregorio Botta Machina ph R.Brugugnoli 229 gennaio 2017
CENTRO ARTI VISIVE PESCHERIA - PESARO

Domenica 29 gennaio in occasione del finissage della mostra di Gregorio Botta Machina, organizzata dal Comune di Pesaro-Assessorato alla Bellezza e Sistema Museo, presso il Centro Arti Visive Pescheria di Pesaro, alle ore 18 la giovane poetessa romana Francesca Merloni, i cui lavori nascono dall’incontro tra varie discipline ed espressioni artistiche, leggerà alcune sue poesie. Per l’occasione verrà inoltre presentato il catalogo della mostra, pubblicato da Silvana Editoriale, con una conversazione tra Gregorio Botta e Ludovico Pratesi. A seguire drink con Tipico.Tips (Ingresso con Card Pesaro Cult).

La mostra

A cura di Ludovico Pratesi, la mostra di Gregorio Botta si basa sulla rilettura degli spazi architettonici della Pescheria, attraverso sculture e installazioni di notevole impatto.

Dopo la mostra di Jannis Kounellis, un’artista di una generazione successiva si confronta con gli ambienti del Centro Arti Visive, con un linguaggio espressivo diverso ma complementare, attraverso una serie di opere che riportano il centro al suo passato, riletto con consapevolezza e rigore.

Nel Loggiato sono presenti tre tavoli rettangolari in ferro, che ricordano gli antichi banchi del pesce posizionati nell’antica Pescheria, dove scorrono piccoli rivoli d’acqua che sgorgano da sottili ferite, mentre alle pareti sfilano una serie di sculture a parete, che ricordano le lanterne di una volta. Al centro dell’ex chiesa del Suffragio l’artista ha ricostruito in scala l’architettura dodecagonale in ferro, per realizzare una scultura chiusa e minacciosa: una sorta di un monolite, all’interno della quale una fonte di luce produce un movimento rotatorio, visibile soltanto attraverso alcune sottili feritoie aperte nella struttura.

INFO PESARO MUSEI