www.presszanchi.com utilizza cookies per offrirti un'esperienza di navigazione migliore, rispettando la privacy secondo le norme previste dalla legge. Usando il nostro servizio, acconsenti l'impiego di cookie in accordo con la nostra cookie policy. Per saperne di più o negare il consenso leggi l'informativa completa.

FINISSAGE "ILLUMINATI CON ROSSINI IN SORSI

RIS 19giugnoFORTE19 giugno 2016
MUSEI CIVICI DI PALAZZO MOSCA - PESARO

Domenica 19 giugno alle 21 (ingresso libero), nuovo appuntamento con la musica di Rossini in Sorsi, la rassegna di musica dedicata al Cigno organizzata dal Comune di Pesaro/Assessorato alla Bellezza e E lucevan le stelle Music, che questa volta fa tappa ai Musei Civici di Palazzo Mosca per il finissage della mostra ILLUMINATI Immagini dalla letteratura: Bellini, Dalì e i contemporanei.

L’esposizione a cura di Marcello Smarrelli (promossa da Comune di Pesaro – Assessorato alla Bellezza e Sistema Museo in collaborazione con Ente Olivieri - Biblioteca e Musei Oliveriani) volge al termine domenica dopo aver riscosso grande successo di pubblico, affascinato dal viaggio incentrato sulla funzione iconografica delle opere letterarie e la loro capacità di ispirare gli artisti di tutti i tempi. Un percorso suggestivo e “diffuso” nelle tre sedi di Palazzo Mosca, Casa Rossini e Scalone Vanvitelliano, che ha visto riunite opere del patrimonio, a partire dalla Pala del Bellini, i celebri album di Salvador Dalì dedicati alla Divina Commedia, alcune edizioni illustrate del poema dantesco concesse dall’Ente Olivieri e installazioni di artisti contemporanei: Rä di Martino, Francesco Arena e Francesca Grilli.

Nel weekend che precede la Festa della Musica del 21 giugno, cui Pesaro aderisce con un ricco programma, non poteva mancare un finissage con Rossini in Sorsi perché quello tra letteratura, arte e musica è un dialogo davvero armonico.

Proprio la Sala Bellini sarà il palcoscenico per il giovane pianista torinese Mario Stefano Tonda, tra i maggiori esperti di clavicembalo e strumenti dell’epoca, che farà suonare il piccolo pianoforte a tavolo appartenuto a Gioachino Rossini con un concerto dedicato a Cimarosa, Rossini e Pietro Morandi.

Una preziosa occasione per udire per la prima volta o riascoltare il suono del fortepiano, su cui Rossini appoggiò le sue mani, restaurato nel 2015 e conservato nella sua casa museo. Uno strumento che ha incantato il pubblico quando è tornato a far sentire la sua voce, prima a Milano e poi a Pesaro; in entrambi i casi, il Maestro Tonda ha sfoderato tutta la sua bravura restituendogli il suo senso profondo e la bellezza delle sue sonorità.

Il 20 giugno, il maestro sarà ancora a Pesaro per registrare un DVD sullo stesso strumento. La registrazione si effettuerà all’interno del vecchio tribunale di via San Francesco, nel pianerottolo principale del meraviglioso scalone, dotato (come il pubblico pesarese ha avuto modo di scoprire in novembre in occasione di 2211 Pesaro Santa Cecilia Street) di un’acustica particolarmente adatta.

INFO PESARO MUSEI

BUONGIORNO CERAMICA!

BC raku3 - 4 - 5 giugno 2016
MUSEI CIVICI DI PALAZZO MOSCA - PESARO

Dopo il successo della prima edizione 2015, dal 3 al 5 giugno, torna a Pesaro Buongiorno Ceramica! Progetto nazionale promosso da AiCC, Associazione Italiana Città della Ceramica, organizzato in collaborazione con Artex, Centro per l’Artigianato Artistico e Tradizionale della Toscana, che coinvolge 37 città italiane di “antica tradizione ceramica”.

Il Comune di Pesaro e i Musei Civici di Palazzo Mosca partecipano alla manifestazione che si pone l’obiettivo di valorizzare una delle più belle eccellenze artigianali ed artistiche del "made in Italy". Un'occasione per conoscere da vicino artisti e artigiani del settore, tra tradizione e innovazione e i luoghi dove questa arte è fiorita e tuttora è viva.

Tre giorni di festosa animazione coinvolgeranno Pesaro, comune tra i più importanti per l’arte ceramica che qui affonda le radici nel Cinquecento, all’epoca dei duchi Della Rovere. Una tradizione che ha attraversato i secoli e si è mantenuta eccellente fino ad oggi.

I Musei Civici ne conservano rappresentativi esempi; dalle opere istoriate dei principali centri dell´antico Ducato di Urbino - Urbino, Casteldurante (oggi Urbania), Pesaro, ai lustri cinquecenteschi di Deruta e Gubbio, oltre ai capolavori di arte decorativa di epoche differenti provenienti dal lascito della marchesa Vittoria Mosca. Estremamente varia sotto il profilo morfologico, stilistico e decorativo, una collezione che regala un vero e proprio viaggio nel tempo, toccando ogni tipologia di reperti, dal Rinascimento all’età contemporanea.

Da venerdì a domenica, un ricco programma di appuntamenti per tutti, a cura dell’Assessorato alla Bellezza, di Sistema Museo e dell'Associazione Amici della Ceramica, coinvolgerà i Musei Civici e luoghi all’aperto, con laboratori, visite guidate, performance, mercatini; le vetrine dei negozi del centro storico saranno abbellite da alcune opere realizzate dai ceramisti di Pesaro e si potranno visitare le prestigiose Botteghe d'Arte "Sora" (via Rossini 35) e "Molaroni" (via Luca della Robbia 9) dalle 9.30 alle 12.30 e dalle 16 alle 20.

Buongiorno Ceramica! è anche sulla rete e invita alla partecipazione perché sia un’esperienza pienamente condivisa. Nel corso del week-end si potranno fare “Selfie ceramici”, accanto a uno o più oggetti delle collezioni e durante gli eventi, da postare sui social con hashtag #buongiornoceramica.

LEONARDO NOBILI – Metafisica della memoria

Treno 530x31023 aprile - 8 maggio 2016
CENTRO ARTI VISIVE PESCHERIA - PESARO

Al Centro Arti Visive Pescheria di Pesaro, sabato 23 aprile alle 18.30 si inaugura la mostra LEONARDO NOBILI – Metafisica della memoria, organizzata dal Comune di Pesaro -Assessorato alla Bellezza e Sistema Museo.

Declinata in un metaforico “viaggio della memoria”, fino all’8 maggio l’esposizione presenta le opere più recenti dell’artista pesarese Leonardo Nobili orientato ad attualizzare, in senso etico ed estetico, un modello formale che accoglie emozione e tecnologia.

Con la sua lunga ed eclettica carriera, iniziata negli anni Settanta, Nobili si inserisce all’interno dell’orizzonte post-novecentesco e nell’attualità, incentrando la sua ricerca artistica sull’identità collettiva dell’uomo, sempre più contaminato da un cambiamento ambientale frenetico, generatore di conflitti interiori.

Il viaggio inizia nel loggiato con una serie di grandi e medie composizioni che nascono come letture del ricordo: Libro di memorie, Scritture, Documenti segreti, Codice del tempo, sono solo alcuni emblematici esempi; opere polimateriche che conservano il passato documentando l’evento emotivo con la forza espressiva del linguaggio, sostenuto dall’astrazione delle forme-scultura e dal gesto pittorico di indubbia efficacia.

La memoria si fa ancora più profonda entrando nella Chiesa del Suffragio dove, accanto ad una installazione performativa sul tema della “crisalide” e della metamorfosi che prenderà vita durante l’evento inaugurale, si trovano assemblaggi di vecchie fotografie (primo medium tecnologico del ricordo) con personaggi che emergono dal passato, Personaggi del tempo, o collocati entro schedari, Misuratori del tempo, oltre a proiezioni video tra il reale e l’immaginario: Materiali, Pagina dopo Pagina, Il giardino dell’infanzia e l’inedito ultimo video L’identità ritrovata, dove appare protagonista un treno in corsa, simbolo del divenire inesorabile.

SENTIRE L'INVISIBILE

civici facebook titolo15 aprile 2016
MUSEI CIVICI DI PALAZZO MOSCA - PESARO

A Palazzo Mosca, luogo di incontro e di diffusione della cultura, venerdì 15 aprile (h 17.30 ingresso libero) è in programma “Sentire l’invisibile”, appuntamento conoscitivo ed esperienziale di grande attualità, a cura di DCE CreAttività, Distretto Culturale Evoluto della Provincia di Pesaro e Urbino.

Sarà ospite Stefano Buzzai, costruttore specializzato in bioedilizia e in geobiologia con oltre vent’anni di esperienza, nonché studioso di energie sottili e geografia sacra, che condurrà il pubblico alla scoperta dell’invisibile e di come “sentirlo”, attraverso la tecnica della geobiologia.

Un'occasione per avvicinarsi al tema delle energie extrasensoriali e dell'impatto che queste possono avere sull'ambiente e sulla persona, fenomeni ormai noti a tutte le scuole di parapsicologia.

Silvia Melini e Olimpia Bassi introdurranno l’argomento con alcune letture e Buzzai illustrerà le tre arti metafisiche (radioestesia - radionica - geobiologia) con le quali è possibile percepire ed agire sulle sottili energie della terra e del cosmo, al fine di riportare equilibrio di armonia e corretto livello di energia vitale sui luoghi, nelle abitazioni e alle persone.

A seguire, presentazione e spiegazione di uno specifico studio di diagnosi e bonifica energetica, a partire dagli stessi ambienti dove si svolge l'incontro, con successive esperienze dirette, di riscontro Kiniesologico (risposta muscolare), per i partecipanti che ne volessero provare i benefici effetti.

INFO PESARO MUSEI

DOPPIO APPUNTAMENTO A PESARO MUSEI

72dpi PANTAmarchesif19 e 20 marzo 2016
PESARO MUSEI

Sabato 19 e Stradomenica 20 marzo doppio appuntamento a Pesaro Musei: proseguono gli approfondimenti culturali con la letteratura a Palazzo Mosca e speciale terza domenica del mese con visita guidata alle tre sedi della mostra ILLUMINATI. Immagini dalla letteratura: Bellini, Dalì e i contemporanei.

Ai Musei Civici i libri sono di casa e sabato 19 marzo (h 17.30 ingresso libero) il prossimo incontro con DCE CreAttività Distretto Culturale Evoluto della Provincia, presenta al pubblico pesarese il volume “Agenda Marchesi” della collana Panta, periodico monografico di approfondimento Bompiani.

Un primo passo, desiderato a lungo dal figlio Massimo, per analizzare l’opera di una personalità poliedrica e affascinante, quella di Marcello Marchesi (Milano 1912 - San Giovanni di Sinis 1978) che tanto ha dato alla cultura del ‘900.

Lella Mazzoli, docente di Scienze della Comunicazione all’Università Carlo Bo di Urbino, racconterà la genesi di Panta Marchesi: i curatori Mariarosa Bastianelli e Michele Sancisi hanno lavorato più di tre anni per portare alla ribalta la figura di un autore unico per originalità, versatilità e interconnessione con la storia della cultura italiana del dopoguerra. Attivissimo fin dal periodo pre-bellico Marchesi ha lasciato il segno della sua graffiante ironia in almeno 7 diversi ambiti: il giornalismo, la radio, il teatro, il cinema, la televisione, i libri e la lingua, la pubblicità, che vengono approfonditi in altrettanti capitoli del volume, ricchi non solo di saggi inediti ma anche di numerosi documenti e immagini recentemente ritrovati e sui quali si è appena iniziato un lavoro di studio catalogazione.